negozio / shop
paga on PayPal / pay with PayPal


recensioni / reviews
editoriali / editorials
articoli / articles
notizie brevi / flash news

autori / authors
foto originali / original pictures
illustrazioni originali / original illustrations
libreria / bookstore
attività / activities

arretrati / back issues
cerca / search


Blackvelvet editrice

Ogenki Clinic T-Shirt
Vent’anni in Ogenki Clinic
di Silvio Andrei



Per i tipi di Mondadori, esce nelle librerie una corposa antologia della celebre serie Ogenki Clinic, nota anche con il titolo La clinica dell’amore.

La clinica dell’amore di Haruka Inui.
Volume a cura di [nu] Black Velvet Editrice.
Prefazioni di Silvio Andrei e Sergio Rossi.
Traduzione dal giapponese di Saburo Murakami.
Adattamento dei testi di Elsa De Marchi e Omar Martini.
Piccola Biblioteca Oscar Mondadori.
Pagine 236, fumetti in bianco e nero.
Arnoldo Mondadori Editore, Milano, 2010.

È la terza volta che ci capita di presentare La clinica dell’amore (ovvero Ogenki Clinic), il fumetto cult (come si usa dire) di Haruka Inui. Tante sono, infatti, le proposte editoriali che questo celebre manga erotico ha conosciuto in Italia.
Nell’aprile del 1993 apparve nelle edicole La clinica dell’amore, edita da Play Press con una etichetta varata per l’occasione, la News Market. Il felice titolo italiano, dovuto soprattutto al fatto che allora il lettore non era abituato a vocaboli giapponesi, è diventato quasi un marchio, memorizzato da ormai più generazioni di lettori (in fondo la traduzione del titolo è pertinente: Ogenki Clinic, significa letteralmente “clinica che ti fa star bene”, in senso erotico, amoroso).
Attorno a quel fumetto si andò formando una piccola e attenta redazione di professionisti del fumetto, appassionati del nuovo filone giapponese. Oltre allo scrivente, che ha avuto la ventura di coordinare l’intero progetto, c’era il traduttore italiano di Inui, quel Saburo Murakami che negli anni seguenti perlustrerà curioso la scena erotica di Tokyo partendo proprio dai luoghi e dalle persone citate ne La clinica dell’amore. Poi Omar Martini che curava quella che allora era chiamata “occidentalizzazione”, cioè l’adattamento dei testi, tanto necessario considerate le insidie della lingua giapponese.
Il caso ha voluto che, tre lustri dopo, quelle stesse persone si siano ritrovate attorno allo stesso manga per curare la nuova edizione (la seconda) uscita in libreria per i tipi di Black Velvet Editrice. E si è aggiunta Elsa De Marchi nella nuova proposta, per stendere le preziose note esplicative ponendo particolare attenzione alle peculiarità giapponesi. Perché questo fumetto non è solo una “storiella divertente”. Lo è anche, sia chiaro, ma i riferimenti, le astuzie, le metafore, meritano qualche approfondimento.
***
L’intera serie de La clinica dell’amore si compone di nove volumi. Sono più di 130 episodi, acutamente chiamati “Cartelle cliniche”, giusto trattandosi di storie che hanno come sfondo una clinica e dei “malati”...
La clinica dell’amore: un successo nelle edicole degli anni Novanta, così come nelle librerie in tempi più recenti. Tanto da dar vita a un periodico che ha lo stesso nome dell’autore, Inui, e che serializza alcuni sui lavori inediti, nonché nuove “Cartelle cliniche” realizzate apposta per l’Italia. E poi la stampa di altre importanti serie di Haruka Inui, come Le storie di Miss Q, dove quell’ultima lettera sta a indicare il servizio telefonico erotico giapponese (siglato appunto con Q), visto che la protagonista è proprio una procace signorina che risponde alle chiamate. E ancora Joosama Wars – Le guerre delle regine, un “erotic-fantasy” che fornisce nuovi elementi per comprendere il mondo sadomaso giapponese, popolato di regine (dette joosama), le donne che dominano e sottomettono, e di schiavi (o più raramente schiave) che si adattano a ogni volere della regina, in un rapporto di sudditanza psicologica e fisica.
E veniamo quindi alla terza proposta editoriale: questa antologia edita da Mondadori. Qui abbiamo preparato una selezione di “Cartelle cliniche”, un ventaglio di casi, personaggi, situazioni... Dove il lettore può vagare in un universo di fantasie e pratiche, tra feticismi e bizzarrie. Sempre accompagnato da quella vecchia redazione che ha passato vent’anni attorno a una produzione fumettistica particolare, attuale oggi più di ieri. Un caposaldo del fumetto erotico non solo giapponese. Vent’anni in una strampalata clinica, dove la potente carica erotica e il divertimento sono garantiti. Dove humor ed eros si trovavano in rara simbiosi.
Silvio Andrei (dalla presentazione al volume edito da Mondadori)




All images and text copyright © 2003-2018 [nu] Black Velvet.
[ home ] [ colophon ] [ copyright ] [ contact ]
kalamun cultura e comunicazione, siti internet Ravenna